HOME

Navigazione principale
Modelli Porsche
911
Panamera

Il design degli interni

911 Carrera 4S
Porsche - Il design degli interni

Il design degli interni

Decisamente, Porsche non costruisce auto sportive convenzionali. Ma vetture sportive per l’uso quotidiano. Come? Interpretando i concetti di elevata agilità e comfort straordinario non come opposti inconciliabili, ma come parti di un insieme armonioso.

Un principio valido soprattutto per gli interni della 911 dove sportività, funzionalità e allestimenti pregiati formano un’unità perfetta. Per uno stile di guida dinamico e per l’uso quotidiano. E per entrambi allo stesso tempo.

Salendo a bordo s’intuisce subito cosa significa: grazie al passo allungato, rispetto ai precedenti modelli 911 Carrera, anteriormente ora sono disponibili 25 mm in più nella zona delle gambe.

Sportività e comfort in perfetta sintonia. Grazie anche all’ergonomia studiata attentamente per il design complessivo degli interni: materiali, logica e disposizione dei comandi appartengono a una nuova generazione di vetture sportive. Di nuova concezione, nella 911, anche la parte anteriore ascendente del tunnel. La logica intelligente dei comandi si ispira ad un principio chiaro: la via diretta.

La disposizione dei 5 strumenti circolari con contagiri centrale è tipicamente 911. Attuale è la strumentazione con schermo a colori da 4,6 pollici ad alta risoluzione con tecnologia TFT e VGA, che visualizza, ad esempio, le informazioni del sistema adattivo di regolazione della velocità (ACC), del sistema audio o del nuovo indicatore del limite di velocità.

Al design del motore si affianca il design del sound: l’High-End Surround Sound- System di Burmester®, disponibile su richiesta, è stato appositamente adattato ai modelli 911 Carrera. Con 12 altoparlanti, una potenza complessiva di 821 Watt e un’acustica esemplare.

Nella 911 il design e la tecnica sono inseparabili. Proprio come il comfort e lo sport. Non la consideriamo una contraddizione e tanto meno una forma di compromesso. Una personalità forte, infatti, non rifiuta gli opposti, ma cerca di unirli.