HOME

Navigazione principale
Modelli Porsche
911
Panamera

Michelin

Una partnership importante per prestazioni di prim'ordine: Porsche e Michelin

Dal 2002 Porsche e Michelin sono legate da una forte partnership di successo che spazia dalla fornitura di pneumatici per i modelli di serie fino a tutte le attività legate al motorsport del produttore di vetture sportive. Pertanto, non solo le numerose Porsche Carrera Cup nazionali si svolgono da dieci anni su pneumatici Michelin, ma anche la Porsche Supercup internazionale. Anche nelle principali serie di competizioni endurance, come il nuovo campionato mondiale di Endurance WEC (World Endurance Championship), l'American Le Mans Series (ALMS) o il campionato mondiale di Endurance di Nürburgring (VLN), i piloti professionisti e i team sostenuti da Porsche fanno affidamento sui prodotti ad alta tecnologia di Michelin, caratterizzati da successo e affidabilità. Allo stesso tempo Porsche è un partner importante per Michelin per lo sviluppo di pneumatici ad elevate prestazioni. Per numerosi modelli di serie del rinomato produttore esistono omologazioni per i prodotti del marchio Premium francese.

La combinazione di Porsche e Michelin ha una storia di successi sorprendenti nel Motorsport. Nel 1984 la McLaren vinse la Formula 1 con il motore Turbo TAG costruito da Porsche, montando pneumatici Michelin. Niki Lauda divenne campione del mondo con mezzo punto di vantaggio rispetto al compagno di scuderia Alain Prost. Le dodici vittorie nei gran premi conseguite in quella stagione entrarono a far parte del medagliere comune.

Le vetture sportive di Porsche restarono imbattute per 16 volte anche nella leggendaria 24 ore di Le Mans. L'ultima vittoria assoluta conseguita ad oggi a Le Mans venne festeggiata da Porsche nel 1998 insieme a Michelin, quando Allan McNish, Laurent Aiello e Stéphane Ortelli conquistarono la vittoria in questo classico delle gare di lunga durata, a bordo della Porsche GT1.

Anche negli anni successivi la combinazione fra Porsche e Michelin a Le Mans continuò a rappresentare un indizio certo di vittorie di categoria. Così, montando gli pneumatici francesi, la 911 GT3 RSR vinse ad esempio nel 2004, nel 2007 e nel 2010 in categoria GT2. Nel 2008 il produttore di vetture sportive tornò a gareggiare nella Le Mans con la RS Spyder aperta e, insieme a Michelin, si assicurò rapidamente il primo posto nella classe LM P2. Anche l'anno successivo Porsche restò imbattuta e si assicurò per giunta anche il dominio della classifica ambientale "Michelin Green X Challenge" per i partecipanti alla gara con la migliore efficienza energetica. Un titolo che nel 2010 fu conseguito dalla Porsche 911 GT3 RSR del team Felbermayr-Proton con i piloti professionisti Marc Lieb, Richard Lietz e Wolf Henzler.

L'impegno per un "Motorsport ecologico" è stato dimostrato da entrambi i partner con un progetto straordinario: nel 2010, la 911 GT3 R Hybrid con sistema di recupero dell'energia e accumulatore del volano ha rappresentato uno dei punti di forza della 24 ore del Nürburgring, conducendo la gare per oltre nove ore. La Porsche ibrida particolarmente parsimoniosa è stata in vantaggio di un giro fra due pit stop rispetto alle concorrenti dotate di motori tradizionali; gli pneumatici da corsa Michelin hanno mantenuto la distanza prolungata senza alcuna difficoltà.

I due marchi Premium possono vantare insieme un bilancio notevole nel festival della 24 ore del Nürburgring. Nel 2000, una Porsche con pneumatici Michelin vinse per la prima volta la leggendaria maratona dell'Eifel, quando Bernd Mayländer, Michael Bartels, Uwe Alzen e Altfrid Heger tagliarono per primi il traguardo a bordo della 996 GT3 R del Centro Porsche di Coblenza. Nel 2006 il team Manthey Racing conquistò la vetta sul circuito tradizionale. Fino al 2011 il team Porsche ha conquistato cinque vittorie insieme a Michelin.

La forte partnership di successo nelle gare sportive si è rivelata una base importante anche per lo sviluppo degli pneumatici di serie. Numerosi modelli sportivi di Porsche montano direttamente già in produzione pneumatici Michelin, come ad esempio il Michelin Pilot Super Sport o il particolarmente potente Michelin Pilot Sport Cup+, uno degli pneumatici da gara più veloce con omologazione per la circolazione su strada. Il loro vantaggio è dato da tecnologie ultramoderne, come le fibre ad alte prestazioni TWARON in grado di sopportare forti carichi e utilizzate per la cintura, che fornisce una stabilità ottimizzata della superficie di rotolamento anche a velocità elevate; oppure la miscela Dual-Compound di nuova generazione che, grazie a componenti delle superfici di scorrimento diversi per il lato interno e quello esterno, unisce i vantaggi degli pneumatici da bagnato a quelli degli pneumatici da asciutto.