HOME

Navigazione principale
Modelli Porsche
911
Panamera

Archivio 2010

Semaforo verde per lo sviluppo di serie della 918 SpyderDecisione del Consiglio di Sorveglianza Porsche

Stoccarda. Il Consiglio di Supervisione di Porsche AG ha dato il via libera allo sviluppo di serie della Porsche 918 Spyder. Considerando la straordinaria risposta ottenuta dal concept di questa vettura sia da parte dell’opinione pubblica che dei clienti, il Consiglio di Supervisione ha incaricato il Consiglio di Amministrazione Porsche di avviare la realizzazione di una versione di serie basata sulla vettura già presentata. Questa concept car sportiva ad elevate prestazioni con motore centrale e tecnologia ibrida plug-in ha debuttato nel 2010 al Salone dell'Auto di Ginevra e all'Auto China di Pechino, generando entusiasmo in tutto il mondo.

Michael Macht, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Porsche AG, dichiara: "La produzione della 918 Spyder in una serie limitata dimostra che, adottando il principio Porsche Intelligent Performance, in cui si coniugano performance elevate e concetto di trazione efficiente, abbiamo intrapreso la strada giusta. Svilupperemo la 918 Spyder nello stabilimento di Weissach mentre l'assemblaggio sarà effettuato a Zuffenhausen. Un impegno molto importante anche nei confronti della Germania come sede della produzione".

Il concept della Porsche 918 Spyder consente di ottenere un potenziale di performance degno di una supersportiva a fronte di emissioni di CO2 di appena 70 g/km, corrispondenti a consumi di 3 l/100 km secondo il NEDC (Nuovo ciclo di guida europeo). Nella Porsche 918 Spyder questa tecnologia di propulsione ad efficienza elevatissima è in perfetta simbiosi con un design straordinario e soluzioni high-tech mutuate dal Motorsport. Ulteriori dettagli della Porsche 918 Spyder saranno divulgati nei prossimi mesi.

GO

Nota: il materiale fotografico della concept car Porsche 918 Spyder è a disposizione dei giornalisti accreditati presso la banca dati Porsche all’indirizzo internet http://presse.porsche.de/.

7/28/2010