HOME

Navigazione principale
Modelli Porsche
911
Panamera

Archivio 2007

Nosferatu il vampiro: emozioni forti a Cinque sensi d'autore.Il 5 marzo a Padova appuntamento con un’opera straordinaria.

Per Cinque sensi d’autore, la rassegna di Porsche Italia, ritorna il ciclo dedicato al cinema d’avanguardia: lunedì 5 marzo (Padova, Caffè Pedrocchi, Sala Rossini – ore 21.15) appuntamento con un’opera straordinaria per sperimentazione linguistica e capacità di toccare le corde più profonde dell’immaginazione.

Dopo la forzata rinuncia di Giorgio Faletti, che ha dovuto disertare l’impegno perché impegnato al Festival di Sanremo, la rassegna di Porsche Italia “Cinque sensi d’autore” riprende con un altro appuntamento del ciclo Tesori sconosciuti del cinema in musica che sta riscontrando un significativo successo.

Lunedì 5 marzo, alla sala Rossini del Caffè Pedrocchi (ore 21.15), l’esperto Gian Piero Brunetta introdurrà l’appuntamento dal titolo "Un capolavoro restaurato dell’espressionismo: Nosferatu", con musiche originali scritte da Alberto Polese, titolare del quintetto che eseguirà le musiche dal vivo.

La produzione cinematografica tedesca d’avanguardia, definita genericamente espressionista, nasce nell’ambito della normale produzione industriale e deve accontentarsi di un alto esercizio di equilibrismo acrobatico su un filo sospeso tra naturalismo ed espressionismo.

La luce, che ha infuso l’anima dei film espressionisti, e ne costituisce l’elemento più plasmabile e caratterizzante, deve unificare componenti eterogenee e facilitare l’assorbimento degli elementi narrativi e recitativi di tipo naturalistico nel contesto della visione e della deformazione espressionista della realtà. Se il modello di riferimento è costituito  dal Gabinetto del dottor Caligari del 1919 è soprattutto con  Nosferatu. Eine Symphonie des Grauens (Nosferatu il vampiro, 1922) di F.W. Murnau  che il grande pubblico internazionale si imbatte in delle opere più straordinarie per sperimentazione linguistica e capacità di toccare corde profonde dell’immaginazione e dell’inconscio collettivo. Questo film rivela è forse più di tutti la presenza di quel “perturbante” (l’unheimliche) di cui parlava Freud quasi in quegli anni: in effetti si tratta di un’opera visionaria in cui le invenzioni espressive servono ad accrescere il senso di un’angoscia diffusa (quasi profetica) per l’attesa dell’avvento ineluttabile di una presenza malefica da cui sembra molto difficile liberarsi.

Cinque sensi d’autore
Lunedì 5 marzo 2007 – Padova, Caffè Pedrocchi, Sala Rossini – ore 21.15

Tesori sconosciuti del cinema in musica a cura di Gian Piero Brunetta

Un capolavoro restaurato dell’espressionismo: Nosferatu

Musiche originali di Alberto Polese eseguite da Alberto Polese Quintet

Ingresso libero previa prenotazione obbligatoria tel. 0498781231

3/1/2007