HOME

Navigazione principale
Modelli Porsche
911
Panamera

Archivio 2006

Collard e Riccitelli secondi nella GT2 con la Porsche 996 GT3 RSR – Busnelli e Moccia sestiEbimotors sul podio a Silverstone

Silverstone (GB), 7 maggio 2006 – Termina con il secondo posto di classe GT2 la prima uscita della Ebimotors nel FIA GT, ma avrebbero anche potuto vincere Emmanuel Collard e Luca Riccitelli con la Porsche 996 GT3 RSR. Più sfortunati invece Emanuele Busnelli Luigi Moccia che chiudono al sesto posto di classe dopo una prova ad alto livello rallentata da un problema tecnico sul finire della gara, che li aveva visti occupare la quarta posizione.

La prima prova della massima serie internazionale per vetture gran turismo, nella categoria riservata alle vetture direttamente derivate dalla produzione, è vinta dalla Ferrari 430 di Melo e Bobbi ma a dar grande spettacolo è stata la vettura ufficiale Porsche Motorsport e Pirelli della Ebimotors. “E’ stato un fine settimana soddisfacente, di quelli che risollevano il morale e danno fiducia per il futuro ed a suffragare le scelte operate nell’inverno. La prima uscita dice che abbiamo ampi margini di miglioramento, peccato che difficilmente potremo effettuare dei collaudi prima del prossimo appuntamento.” E’ Luigi Menin, manager di Porsche Haus, a fare la prima dichiarazione ed esternare la soddisfazione del team.

Le attese della vigilia, la lunga e particolare preparazione sostenuta per un esordio nel FIA GT Championship dalle grandi aspettative, sono state rispettate. Il team ha risposto bene al rendez-vous nella bizzarra primavera inglese. I piloti sono rivelati la migliore scelta, competitive e affidabili entrambe le coppie. Collard e Riccitelli, pur non avendo mai corso assieme, hanno subito trovato feeling e si sono distinti al punto che la Federazione ha imposto una penalizzazione in termini di peso alla loro vettura. Hanno aggredito la lunga e larga, tanto larga, pista britannica. Le prove sull’asciutto però non davano responsi cronometrici esaltanti, almeno quanto invece poi veniva dalle sessioni sul bagnato. Le due ore di gara poi ribaltavano la situazione, evidenziando un ritmo vincente sul bagnato con gomme intermedie, che permetteva Collard di avvicinarsi a Andrew Kirkaldy con la Ferrari 430 dell’Ecosse ed insidiargli la leadership sino a quando il ferrarista è rimasto in gara; sia sull’asciutto con le slick quando Riccitelli nel secondo stint battagliava con Jaime Melo. Il francese, in coppia con Matteo Bobbi sulla Ferrari 430 risaliva in testa alla GT2 con la pista che asciugava andando a vincere, mentre Collard e Riccitelli perdevano circa trenta secondi nell’ultimo Pit Stop per un inconveniente nella sostituzione di una ruota dovendosi accontentare della seconda piazza. Grandi ma sfortunati sono stati Busnelli e Moccia, con il secondo autore di una fulminante partenza arrivando ad occupare la quarta piazza sino a quando il compagno lombardo è stato rallentato da una defaillance al cambio.

5/8/2006