HOME

Navigazione principale
Modelli Porsche
911
Panamera

Archivio 2005

I bambini della scuola di Beslan in visita alla PorscheHanno visitato il Centro di Formazione e il museo storico di Zuffenhausen

Un gruppo di 40 bambini sopravvissuti nello scorso settembre alla tragedia nella cittadina russa di Beslan ha visitato oggi la Porsche AG di Stoccarda. I bambini hanno potuto vedere il Centro di Formazione e il museo del costruttore di auto sportive a Zuffenhausen.

Il gruppo di giovani studenti si trova in Germania dal 23 maggio. L’invito è pervenuto congiuntamente da Europa Park, la Cancelleria federale Tedesca e il Ministero Federale Tedesco per le famiglie. Porsche ha sostenuto i costi degli spostamenti aerei. “Questi bambini hanno subito una terribile esperienza. Abbiamo voluto offrire loro qualche ora di serenità, e qualche impressione sul mondo Porsche. Spero che il loro soggiorno in Germania li aiuti a ricominciare una vita normale” ha detto il Presidente della Porsche AG, Wendelin Wiedeking, spiegando l’impegno di Porsche AG, costruttore di auto sportive.

I giovani, dagli 8 ai 18 anni, hanno seguito attentamente gli apprendisti nel Centro di Formazione Porsche nella fresatura dei metalli, nella cucitura della pelle dei sedili e nell’assemblaggio dei motori. Ai giovani russi è stato anche concesso l’onore di sedere nelle Porsche storiche del Museo, inclusa la vincitrice della 24 ore di Le Mans del 1998 e di vedere da vicino un motore a scoppio costruito da Ferdinand Porsche più di 90 anni fa.
“E’ stato un enorme piacere constatare quanto fossero interessati questi giovani ai nostri corsi di formazione e alle nostre vetture sportive” ha detto Anton Hunger, capo delle PR di Porsche AG. “Sono rimasto anche molto sorpreso dall’attrazione per il nostro brand presente nei giovani russi”, ha aggiunto Hunger.
I ragazzi hanno visitato inoltre lo zoo “Wilhelma” di Stoccarda e hanno preso parte ad un’escursione in Alsazia. Raggiungeranno quindi Strasburgo, ove saranno ricevuti dal Parlamento Europeo, prima del loro ritorno a Beslan.

6/1/2005