HOME

Navigazione principale
Modelli Porsche
911
Panamera

Archivio 2005

Mille Miglia 2005, 24 Porsche al viaTra gli equipaggi Porsche previsti al via per l’edizione 2005, tre saranno alla guida di vetture provenienti dal Museo Porsche di Stoccarda. Confermata la presenza della 550 A RS di Giansante – Ferracin.

Prende il via anche quest’anno la Mille Miglia, mitica gara riservata alle vetture storiche dei marchi più blasonati che unisce da sempre rarità (quella delle vetture che vi partecipano) e prestigio (quello delle personalità internazionali che si cimentano alla guida).
Anche quest’anno lo schieramento di partenza vede un nutrito gruppo di Porsche; ben 24 infatti sono gli equipaggi al volante dei più rari esemplari usciti dagli stabilimenti di Stoccarda.

Presente, come portacolori del Porsche Italia Classic Team anche la storica coppia Mauro Giansante - Bruno Ferracin, fiera del proprio risultato conquistato nella scorsa edizione (sesto posto assoluto e primo nella classe dopoguerra) alla guida di una “mitica” barchetta 550 A RS.
Mauro Giansante, fresco di un alloro appena conquistato alla 100 Ore di Modena Classic, come sempre saprà dare prova della sua indiscussa abilità in gara.

Il Museo Porsche di Stoccarda invece difenderà i colori del Marchio con tre vetture, una 550 spyder, una 356 Knickscheibe e una 356 A 1600, che affiderà a tre equipaggi d’eccezione: due coppie di giornalisti della principale testata automobilistica tedesca (Auto Motor und Sport) e un equipaggio di appassionati Porsche venuti addirittura dall’Australia per prendere parte alla kermesse della Mille Miglia.
Ospite d’onore anche Klaus Bischof, direttore del Museo Porsche di Stoccarda.

Le vetture delle Mille Miglia partiranno giovedì 19 maggio in serata da Brescia alla volta di Ferrara, per poi raggiungere Roma e ritornare a Brescia sabato 21 maggio intorno alle ore 22.

Porsche 550 Spyder A 1956/ 550 RS 1956

Fu una vittoria di classe, nell’edizione del 1952 della Mille Miglia con Lurani-Berckheim, che convinse Porsche a creare un reparto corse dove mettere a punto nuovi motori e vetture sempre più competitive, tra le quali la 550 fu la prima. Attorno al classico motore di derivazione Volkswagen, raffreddato ad aria, venne montata una carrozzeria che lo stesso Porsche volle chiamare Spider. Da allora il nome Spider è riservato alle vetture da competizione, mentre quelle di serie hanno il nome “cabriolet”. Il motore 4 cilindri boxer di questa bella sportiva ebbe una lunga fase di messa a punto: soprattutto il sistema di distribuzione (bialbero in testa, con quattro assi) creò più d’un problema.
La potenza della prima serie era di 78 CV; nelle successive, A, RS, RSK, la potenza, passando per i 110 e i 135 CV, giunse fino ai 148 CV ad 8.000 giri/m della versione del 1959, per una velocità massima di 250 km/h.

La vettura con la quale è iscritto l’equipaggio formato da Mauro Giansante e Bruno Ferracin è una 550 A 1500 RS del 1957 che fu acquistata da nuova dal noto pilota olandese Carol De Beaufort. Nel 1958 patecipò alla 12 H di Sebring (De Beaufort / Bunker - Rit. 107° Giro), alla 24 H di Le Mans (De Beaufort / Linge - 5° assoluto), alla 1000 Km di Nurburgring (De Beaufort / Frankenberg 6° ass.- 1° CL) ed al Tourist Trophy (De Beaufort / Heins 8° ass., 2° CL). Nel 1960 e nel 1961 gareggiò nel 1° Campionato Canadese pilotata da P.Ryan.

Motore: 4 cilindri boxer
Cilindrata totale: 1.498 cmc.
Potenza: 110 CV a 7.800 giri/m.
Velocità: 225 km/h
Alimentazione: 2 carburatori Weber doppio corpo
Telaio/carrozzeria: tubolare/spider

5/14/2005