HOME

Navigazione principale
Modelli Porsche
911
Panamera
Porsche Italia

Porsche Italia

Comunicati stampa attuali

Il tuo sogno è possibile, riprenditi le emozioni! Il mondo dell’auto verso il tramonto? Liberiamo il nostro amore per le quattro ruote, ri-diamo spazio alla mobilità intelligente e cavalchiamo il futuro grazie al piacere di guida che le innovazioni tecnologiche ci permettono. Porsche Italia ha coinvolto Oliviero To-scani e Oscar Giannino per una campagna che rimetta in moto la passione.

Padova. “Il tuo sogno è possibile” è una campagna di comunicazione firmata Porsche che esce dai canoni della comunicazione tradizionale del Marchio. E’ una campagna con una chiara connotazione sociale volta ad enfatizzare i valori positivi che sono sempre stati riconosciuti al brand Porsche. “In un momento in cui tutto sembra andare contro il mondo dell’automobile, nonostante sia una delle colonne portanti per l’economia e contribuisca al benessere del nostro Paese attraverso la creazione di posti di lavoro, ci sembrava opportuno - ha commentato Pietro Innocenti, Direttore Generale di Porsche Italia – essere al fianco di chi ama le automobili e non vuole nascondersi”.

Valori positivi che dovrebbero essere riconosciuti anche da chi si occupa di economia nel nostro Paese. “Il Marchio di Zuffenhausen è operativo in Italia dal 1985, ha investito direttamente negli ultimi dieci anni in oltre 30 milioni di Euro in opere, - dice Pietro Innocenti, Direttore Generale di Porsche Italia – conta oggi su una rete di 38 Concessionarie e 24 Officine Autorizzate il cui fatturato 2011 è stato di quasi un miliardo di Euro e dà lavoro a circa 800 dipendenti. Grazie al lavoro di queste persone tutti i modelli Porsche dominano i segmenti di riferimento nonostante il consistente ridimensionamento degli stessi in atto a causa della crisi e delle attuali misure fiscali”.

“Il fatto che i nostri modelli riescano a mantenere la leadership del mercato è la chiara dimostrazione – ha continuato Pietro Innocenti – di come la nostra clientela sappia apprezzare il connubio tra l’emozione del piacere di guida e la razionalità d’uso tipica di Porsche. Ma ciò non è sufficiente. In Italia circolano, tra storiche e moderne, oltre 75.000 Porsche , ma, purtroppo, da gennaio di quest’anno circa 1000 ogni mese lasciano l’Italia per andare in altri Paesi europei. Ciò come diretta conseguenza dell’introduzione di misure fiscali penalizzanti come il superbollo e il perdurare di un clima di generale colpevolizzazione dell’automobile. Questo ha una ricaduta sia sui fatturati delle aziende Porsche, sia sullo Stato che non potrà contare sul gettito fiscale stesso che è già largamente inferiore alle previsione stante il calo delle immatricolazioni e la perdita di vetture circolanti”.

In proposito il Centro Studi UNRAE ha di recente reso noto che solo a causa dell’introduzione del superbollo il segmento delle vetture di potenza oltre i 185kw nei primi 9 mesi del 2012 ha avuto una contrazione del 44,1%. Se questo trend verrà mantenuto a fine anno si genererà un gettito da superbollo pari a 155 milioni di Euro a fronte del quale c’è un minor gettito di IVA, IPT e Bollo, pari a 90 milioni di Euro e quindi portando il beneficio complessivo per l’erario a soli 65 milioni di Euro contro i 168 milioni di Euro pianificati.

In relazione al mercato dell’auto nel complesso, sempre secondo l’UNRAE, a causa delle manovre fiscali, nei primi 6 mesi del 2012 lo Stato ha avuto 1,25 miliardi di minor gettito IVA, che diventeranno 2,3 miliardi a fine anno. In negativo anche l’incasso delle IPT visto che le stime dicono che sempre alla fine del 2012 il minor incasso, rispetto al 2011 si prevede sia inferiore di 100 milioni di Euro.

Quanto sia importante il mondo dell’Automotive per il sistema Italia emerge, anche da altri dati messi a disposizione da diversi centri studi e dalle associazioni del comparto. In particolare secondo le stime di Econometrica, l’intero settore dell’automotive nel 2011 valeva il 13,4% del PIL italiano e secondo i dati UNRAE il mondo dell’automobile nel 2010 ha garantito allo Stato un gettito di 67,8 miliardi di Euro, pari al 16,6% del totale e con un’incidenza del 4,4% sul PIL. Volendo scendere nei dettagli, la sola filiera della produzione e distribuzione dell’automotive conta (sempre fonte UNRAE) il 6,2% del PIL e le 46 Case estere affiliate all’UNRAE valgono 42 miliardi di Euro di fatturato, contano 135 mila dipendenti e rappresentano il 70% del mercato dell’auto italiano.

La pressione fiscale sull’intero comparto, in combinazione con la crisi, ha invece messo in secondo piano l’attenzione degli italiani per il mondo dell’automobile, spegnendo la naturale passione per il settore con la conseguenza di diminuire anche il gettito fiscale per l’erario.

“Pur consapevoli della situazione contingente e con un po’ di orgoglio e con il desiderio di ridare voce ai tifosi del Marchio e agli appassionati possessori di Porsche vogliamo che questa campagna Advertising – conclude Pietro Innocenti, direttore generale di Porsche Italia - apra un dibattito che riporti a pensare al futuro in modo intelligente e a vivere il presente con maggiore e rinnovata passione”.

11/22/2012

Contatto

E-mail: mauro.gentile@porsche.it
Telefono: +390498292940

Previa registrazione, sono a disposizione dei giornalisti maggiori informazioni, fotografie e press kit anche in lingua italiana all'interno del Porsche Press database all'indirizzo: http://presse.porsche.de/.

Contatto diretto
Mauro Gentile Direttore PR Ufficio stampa Porsche Italia Spa